Mediaconciliazione e buona volontà

Oggi, assieme ad un collega “armato” di altrettanta pazienza e buona volontà, ci siamo impegnati per trovare un accordo che soddisfacesse e – soprattutto – garantisse i rispettivi clienti. Sarebbe stato molto più facile lasciare che i clienti restassero arroccati sulle loro posizioni e poi guadagnare sulle future cause che ne sarebbero derivate, piuttosto che sbattersi per cercare un accordo che riducesse la conflittualità, garantisse i loro diritti ed evitasse loro ulteriori diatribe, mal di fegato, spese etc.
Questo solo per ricordare che gli avvocati fanno ogni giorno “conciliazione” senza obblighi e senza balzelli, e che nulla può un obbligo di legge se non c’è la buona volontà delle parti e dei loro legali.

Questa voce è stata pubblicata in la professione, novità normative. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *