Risarcimento danni

Il codice civile stabilisce che colui che ha causato un danno deve risarcirlo.

Il danno può essere patrimoniale o non patrimoniale.

Il risarcimento del danno patrimoniale consiste nel pagamento di una somma di denaro che è l’equivalente monetario della diminuzione subita dal patrimonio del danneggiato, comprensiva sia della perdita subita sia del mancato guadagno.

Il danno non patrimoniale è risarcibile solo nei casi stabiliti dalla legge e nei casi in cui gli interessi lesi siano meritevoli di tutela in base all’ordinamento.

A titolo esemplificativo, le azioni che si possono intentare in giudizio sono:

  • responsabilità per i danni causati da cose in custodia
  • responsabilità per i danni causati da animali
  • responsabilità del proprietario per il crollo o la rovina di edifici
  • responsabilità per danni nella circolazione dei veicoli
  • responsabilità del medico e delle strutture sanitarie.

I commenti sono stati chiusi.