Il reato di guida in stato di ebbrezza

Il codice della strada, all’art. 186, recita: “E’ vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche.”

Le conseguenze della violazione sono previste al comma 2 e sono le seguenti:

  1. qualora sia stato accertato nel conducente un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi/litro si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma che può variare da un minimo di € 500,00 ad un massimo di € 2.000,00 a cui si accompagna la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da tre a sei mesi
  2. qualora il tasso alcolemico accertato sia superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi per litro (g/l) si applica l’ammenda da euro 800,00 a euro 3.200,00 e l’arresto fino a sei mesi. All’accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno
  3. qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro (g/ l) si apllica l’ammenda da euro 1.500 a euro 6.000 e l’arresto da sei mesi ad un anno. All’accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni. Nel caso poi di recidiva nel biennio la patente di guida è sempre revocata. Con la sentenza di condanna ovvero di applicazione della pena su richiesta delle parti, anche se è stata applicata la sospensione condizionale della pena, è sempre disposta la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea al reato.

Cosa si intende per tasso alcolemico?

Il tasso alcolemico é la quantità di alcol presente nel sangue e viene desunta, mediante misurazione dell’alcol presente nell’aria respirata, attraverso un apparecchio tecnico che si chiama etilometro.

E’ opportuno precisare che secondo la giurisprudenza costante nel tempo, lo stato di ebbrezza alcolica può essere ritenuto anche indipendentemente da accertamenti tecnici e strumentali, sulla base esclusiva di elementi sintomatici desunti dal comportamento dell’interessato, quali ad esempio eloquio sconnesso, afasia, incapacità di rimanere in una posizione eretta, stato confusionale, alito vinoso ecc.

Nel caso in cui lo stato di ebbrezza venga appunto desunto sulla base dei sintomi evidenziati, e vi sia quindi un dubbio sull’entità del tasso alcolemico, il conducente sarà punito con la semplice sanzione amministrativa, senza però escludere le sanzioni più gravi qualora il Giudice si convinca, sulla base dei sintomi accertati, che il tasso alcolemico è elevato.

 Cosa si intende per guida?

Rientra nella nozione di guida, ai fini del reato in parola, non solo la condotta di chi guidi un veicolo in movimento ma anche la condotta di chi si trova all’interno del veicolo in sosta, qualora sia accertato che egli abbia, in precedenza, messo in movimento il mezzo in area pubblica.

 Cosa succede se il conducente in stato di ebbrezza causa un incidente?

Le sanzioni previste sono raddoppiate ed é disposto il fermo amministrativo del veicolo per 180 giorni, salvo che il veicolo appartenga a persona estranea all’illecito. Quando il tasso alcolemico sia superiore ad 1,5 g/l la patente di guida é revocata.

Cos’é il fermo amministrativo del veicolo?

Consiste nel sottrarre temporaneamente il mezzo al proprietario, affidandone la custodia, a spese del proprietario stesso, ad un deposito delle forze dell’ordine o presso una autocarrozzeria autorizzata.

Cosa sono sequestro amministrativo e confisca?

Il sequestro amministrativo é la fase che precede la confisca, durante la quale il proprietario non perde la proprietà del mezzo ma questo resta a disposizione del Prefetto che deciderà poi se restituirlo o disporre la confisca.Con la confisca il mezzo viene sottratto definitivamente al suo proprietario e non gli viene più restituito. Contro questi provvedimenti é ammesso il ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace.

 Cos’é il lavoro di pubblica utilità?

Salvo il caso in cui il conducente in stato di ebbrezza abbia causato un incidente, la pena detentiva e pecuniaria può essere sostituita, anche con il decreto penale di condanna, se non vi è opposizione da parte dell’imputato, con quella del lavoro di pubblica utilità. Esso consiste nella prestazione di un’attività non retribuita a favore della collettività da svolgere, in via prioritaria, nel campo della sicurezza e dell’educazione stradale presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato, o presso i centri specializzati di lotta alle dipendenze. L’attività non retribuita in favore della collettività é svolta sulla base di convenzioni stipulate dalle amministrazioni locali interessate ed il Ministero della Giustizia o, su delega di quest’ultimo, il Presidente del Tribunale nel cui circondario é presente l’amministrazione interessata. Al seguente link  http://www.tribunalerovereto.it/it/Content/Index/13718 sono indicati i Comuni che hanno stipulato la convenzione con il Tribunale di Rovereto e presso i quali é possibile svolgere il lavoro di pubblica utilità.

Quanto dura il lavoro di pubblica utilità?

Il lavoro di pubblica utilità ha una durata corrispondente a quella della sanzione detentiva irrogata (1 mese di arresto equivale ad un mese di lavoro di p.u.). Se é stata data una pena pecuniaria, un giorno di lavoro di pubblica utilità equivale ad € 250 (€ 1000 di ammenda equivalgono a 4 giorni di lavoro di p.u.). In caso di svolgimento positivo del lavoro di pubblica utilità, il Giudice dichiara estinto il reato, dispone la riduzione alla metà della sospensione della patente e revoca la confisca del veicolo sequestrato.

 

2 Responses to Il reato di guida in stato di ebbrezza

  1. bergamin matteo dicono:

    Io posso capire ed accettare, ma non è sempre giusto. Soldi a palate per uno stato che non c’è

  2. Luca dicono:

    Mi può anche star bene che ci siano sanzioni x chi guida ubriaco ok, ma è inammissibile che bisogna arrivare anche al sequestro e la confisca del proprio mezzo, e vergognoso; è un furto legalizzato e mancanza di rispetto alle persone che si fanno un grande mazzo per comprarsi la propria autovettura, e che pagano un sacco di tasse e io mi domando ancora, che senso ha sequestrare la vettura a chi viene sospesa la patente è perché ad altre persone fermate con il tasso alcolemico sotto 1, 5 non viene applicata? la legge dice che alla guida non si beve? Allora che facciano una pena unica x tutti.
    Va bene dare una punizione a chi tragredisce questa legge ma alcuni punti di questa legge sono assurde che non stanno ne in cielo né in terra. Allora perché non fare come alcuni paesi ovvero l’obbligo di un’etilometro in macchina, cioè se si risulta positivi all’alcool test la macchina non va in moto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *